Torritori, Possedimenti e Rifugi

Nota: in questa sezione si trattano gli argomenti dal punto di vista  narrativo-interpretativo. Per le regole dettagliate, vedere la sezione "regolamento"

Dominio, Territori, Possedimenti e Rifugi....

Questi termini, sono fondamentali per un vampiro e rappresentano il loro potere nel quotidiano. Un giocatore che voglia primeggiare nel gioco e viverlo fino in fondo deve aver chiarissimi questi concetti nella propria mente. Di seguito saranno riportate spiegazioni narrative e consigli per una corretta interpretazione durtante Live e Downtime.

 

Dominio

Generalità:

Il dominio è tutto il territorio che è sotto il controllo di una comunità di vampiri. Essendo questi creature “urbane” quasi sempre il dominio coincide con una città più o meno grande, comprensiva dei suoi dintorni. Difficilmente il dominio coincide con la divisione politica dei mortali del tipo “comune” o “provincia”: in linea di massima, comprende infatti le aree urbane (quindi anche paesi e borghi satelliti di una città), mentre è fondamentale ricordare che le campagne, sono quasi sempre sotto il controllo dei mannari, grandissima spina nel fianco per i fratelli.

Il dominio è altresì il territorio dove valgono le leggi promulgate dal Principe e dove quindi ha valenza la sua volontà ed il controllo dello Sceriffo.

Per tradizione, un vampiro forestiero necessita di avere il permesso esplicito del Principe per poter entrare o sostare nel dominio. 

Un dominio in realtà non è uniforme, ma diviso in numerose zone di diversa natura, descritte in seguito.

 

Il dominio di Perugia:

La città comprende tutte le aree urbane comprese tra Assisi e Corciano circa.
Le aree rurali di confine sono molo pericolose in quanto le campagne sono territorio dei Mannari. In particolare, dalla misteriosa scomparsa dei Fratelli di Perugia, i lupini hanno troncato ogni rapporto con la comunità vampirica di fatto diventando una minaccia pressante.

 

Territorio neutro ovvero "serraglio comune"

Alcune zone interne al dominio, possono essere lasciate “libere". In queste aree, l'accesso è liberamente consentito a tutti i fratelli riconosciuti della città ed ogni vampiro può liberamente agire al loro interno purché rispetti le leggi e le tradizioni. Un territorio neutro può ospitare rifugi di fratelli e può essere usato per nutrirsi sebbene se ne tragga in genere poco sostentamento e di scarsa qualità, oltre all'ovvio pericolo di incontrare fratelli indesiderati. Per tali motivazioni, in generale, l'uso del serraglio comune è evitato dai fratelli quanto più possibile.

 

Territorio di caccia (T.d.C.)

Si tratta di un territorio che il regnante, in prima persona o per mezzo dei propri collaboratori, assegna ad un fratello meritevole per permettergli di nutrirsi senza complicazioni.La regolamentazione dei territori di caccia è squisitamente volontà del principe, che può gestirli come ritiene opportuno. Il grande vantaggio nel possedere un territorio di caccia personale è che questo fornisce una buona base di sostentamento (Vitae) e perciò chi ne possiede uno o più si può considerare membro privilegiato nella società.

 

Indicazioni generali:

  • Quante e quali siano le aree dichiarate TdC è noto a tutti, ma generalmente non è pubblica l'identità del beneficiario.
  • Nutrirsi senza permesso in un territorio di caccia assegnato ad altri, è fortemente malvisto e può portare a ripercussioni se si viene individuati. [sebbene fisicamente non ci sia niente che lo impedisca].
  • Il transito nei TdC è consentito a tutti i fratelli (salvo leggi contrarie).
  • Chiunque non abbia un territorio di caccia assegnato o ne abbia uno insufficiente al proprio completo sostentamento , si avvarrà dei territori neutri, ossia i "serragli comuni", restando insoddisfatto dalla scarsa quantità e qualità.
  • Un TdC resta sempre di proprietà del Principe, quello che viene assegnato è l'uso per il nutrimento. Pertanto i TdC non forniscono Risorse economiche e non danno diritti sui ritrovamenti al suo interno.
  • L'uso di un TdC può essere ceduto a terzi.
  •  

Precisazioni per l'interpretazione e consigli di gioco:

  • Molti vampiri preferiscono nascondere agli altri fratelli l'ubicazione e l'estensione del proprio T.d.C... In tale zona, infatti trascorrerà in solitaria (o protetto dai propri servitori) molto tempo ogni notte... e la prudenza non è mai troppa...
  • Risulta inoltre evidente come coloro che assegnano i territori di caccia (per esempio notai, le Arpie,...)  abbiano un enorme potere di controllo sui fratelli, sapendo dove trovarli, probabilmente soli.
  • Risulta evidente come territori maggiormente vicini al cuore delle città e/o maggiormente popolati siano molto più prestigiosi di quelli periferici (con poche vene da cui sostentarsi e vicini ai confini con i mannari).
  • In base all'estensione ed alla località, i T.d.C. possono fornire diverse quantità di nutrimento.
Nota: nella scheda personaggio, prima di un Live,  verrà generalmente riepilogato il grado di soddisfazione di ciascun personaggio, in particolare indicando una penalità al numero di punti Vitae se questo ha avuto difficoltà nel nutrirsi. Avere meno punti vitae del massimo deve essere interpretato sempre come insoddisfazione [vedere sezione regolamento dedicata al nutrimento]


Possedimenti

Si tratta di territori che sono assegnati dal principe (o un suo funzionario) a fratelli molto meritevoli (o da compiacere). Sostanzialmente è definibile come un feudo, che l'assegnatario può usare a suo completo piacimento ed escusivo uso .

Un possedimento è di solito geograficamente “piccolo”  in estensione rispetto ai T.d.C. ma il suo valore risiede al suo intrerno. In generale,, i possedimenti sono scelti in aree di particolare pregio dela città ed al loro interno possono racchiudere centri di interesse di ogni genere: politico, regligioco, culturale, e quant'altro. Alcuni possedimenti, in particolare, sono strategici per improntarvi attività economiche e commerciali di vario genere (legali e non) e possono quindi fornire una ricca fonte di sostentamento monetario (tratto Risorse) per il suo assegnatario. Inoltre, l'assegnazione esclusiva ad un singolo fratello, fa si che questo possa rivendicare qualsiasi "ritrovamento" al suo interno.

Precisazioni per l'interpretazione e consigli di gioco:

  • Tutti ambiscono e desiderano un possedimento, in pochi lo possono ottenere. Chi ne ha, dovrebbe mostrare quantomeno gratitudine al principe e/o all'incaricato delle assegnazioni, chi non lo ha, dovrebbe mostrare frustrazione ed agire per ottenerne.
  • Non c'è limite al numero dei possedimenti in gestione ad un singolo fratello. I benefici di più possedimenti si cumulano.
  • Se le leggi cittadine non lo vietano, il possedimento può essere ceduto ad altri (ovviamente in cambio di qualcosa di equivalentemente prezioso o do un favore).
  • Avere un possedimento è fondamentale per il “reddito” di un vampiro. Ogni possedimento, fornisce un bonus alla ricchezza del fratello che lo  possiede, potendo questo svolgervi liberamente attività remunerative  [vedere regolamento tecnico]
  • L'assegnatario di un Possedimento, è libero di concederne diritti di accesso, passaggio o uso a chi ritenga opportuno.

 

Rifugio (tratto 1-5 derivato)

Si tratta del luogo fisico,  che ciascun fratello allestisce in gran segreto, per riposare durante il giorno (quando è vulnerabile). Il rifugio in genere è studiato per non essere né trovato né violato facilmente da umani e vampiri.  Scegliere il luogo dove improntare il proprio rifugio principale è impegno arduo. In generale, un fratello accorto cerca di sceglierlo in un proprio territorio di caccia o ancor meglio possedimento  in modo da assicurarsi che gli altri fratelli non possano notarlo o... spiarlo. Si considera che tutti i Fratelli riconosciuti in Perugia, abbiano un rifugio all'interno del dominio. Sebbene un personaggio possa ottenere più di un rifugio (ad esempio per motivi di sicurezza), ai fini di gioco sarà considerato che tutti abbiano un rifugio "principale" in cui il vampiro si reca più spesso che in altri [vedere regolamento tecnico]

 

Consigli di interpretazione

  • Per ovvi motivi di sicurezza, difficilmente un Fratello rivelerà volotariamente l'ubicazione del proprio rifugio a qualcuno, per quanto fidato questo sia e si preoccuperà di abbandonarlo qualora ritenga che questo sia compromesso.
  • Ogni Fratello dovrebbe preoccuparsi di migliorare il valore del proprio rifugio [vedere regolamento tecnico]

 

RIEPILOGO E PRECISAZIONI

  • Tutti i fratelli hanno un rifugio, per quanto piccolo e modesto.
  • Tutti i fratelli possono frequentare i territori neutrali
  • Non tutti i fratelli hanno assegnato un territorio di caccia soddisfacente. Tutti ne desiderano almeno uno.
  • Non tutti i fratelli hanno assegnato un possedimento. Tutti ne desiderano almeno uno.
  • La città ha “sangue limitato”: se qualcuno ottiene più territori, altri avranno difficoltà nel nutrimento. [Vedere regolamento tecnico]
  • TdC e Possedimenti possono essere commerciati se questo non è impedito dalle leggi cittadine.